IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
03.12.2015
Un mini-giardino può aiutare i malati di cancro per affrontare la malattia

Swansea, 3 dicembre 2015 - Il pollice verde giova ai pazienti oncologici. Lo rivela uno studio della University of Wales Trinity Saint David a Swansea, nel Galles pubblicato su Ecancermedicalscience, rivista on-line nata con l'obiettivo di rendere libero e gratuito l'accesso a pubblicazioni scientifiche in ambito oncologico. Molti programmi incoraggiano i malati di tumore a coltivare piante, fiori e orti per migliorare la salute psicologica. Ma la natura non è sempre accessibile, in particolare per i malati di cancro che sono spesso deboli al punto di non potersi permettere questa esperienza. Il team di ricercatori ha deciso di testare perciò un approccio semplice, accessibile, a buon mercato e non sottomesso ai capricci del tempo, per catturare i benefici della natura su piccola scala. L'intervento di ecotherapy è stato effettuato su sette donne con tumore al seno che per tre mesi hanno curato quotidianamente e personalizzato un mini giardino coltivato in un semplice vaso. Sono state poi invitate a riferire i loro sentimenti su dei diari da cui sono emerse positività, controllo della situazione e acquisizione di significato. Il mini-giardino, riporta una di loro, "può aiutare a relazionarti con tutto ciò che hai lasciato alle spalle". I ricercatori stanno valutando se tali benefici possono essere raggiunti anche attraverso virtuali "attività verdi".