IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
01.12.2015
Studio USA: dai piccioni un aiuto per diagnosticare il cancro

Roma, 1 dicembre 2015 – I piccioni potrebbero aiutare nello sviluppo di un software che legga immagini radiologiche, individuando i tumori. Gli scienziati della University of Iowa, sapendo che questi animali riescono, tra le altre cose, a riconoscere lettere dell’alfabeto e volti – e che possono catalogare e ricordare quasi 2.000 immagini – hanno messo alla prova questa loro capacità applicandola in campo medico. Ai volatili è stato insegnato a distinguere le immagini di un tessuto sano da uno canceroso (in particolare nei campioni bioptici e nelle mammografie), premiandoli ogni volta che davano la risposta corretta. La ricerca ha dimostrato che i piccioni riescono a raggiungere un livello di precisione dell’85%, fino a raggiungere il 99% se usati in gruppo. Un risultato straordinario che va a sommarsi ad altre ricerche più o meno strane che riguardano l’utilizzo di animali per la diagnosi del cancro. Numerosi studi hanno fin qui dimostrato che i cani, ad esempio, possono essere così accurati nell’annusare vari tipi di cancro da raggiungere una precisione diagnostica superiore al 90%.