IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
30.11.2015
Ue: Italia maglia nera per morti da inquinamento, 84mila in 2012

 Bruxelles, 30 novembre 2015 - L'Italia e' il primo Paese europeo per morti premature dovute all'inquinamento atmosferico. Lo rileva l'Agenzia europea dell'Ambiente (Aea) nel "Rapporto sulla qualita' dell'aria" pubblicato riferito agli anni 2012 e 2013. Complessivamente l'Italia conta nel 2012 84mila decessi prematuri dovuti a concentrazioni troppo elevate di polveri ultra sottili (59.500), ozono (3.300) e diossido di azoto (21.600) sul 491mila registrati nell'Ue. Complessivamente nell'Ue la principale causa di morte prematura si deve alle polveri ultrasottili (403mila vittime), seguito da biossido di azoto (72mila vittime) e ozono (16mila vittime). L'Italia paga le elevate concentrazioni di sostanza inquinanti nell'atmosfera, come confermato anche dai dati relativi al 2013. Secondo lo studio le concentrazioni di piombo hanno superato la soglia limite di 0,5 microgrammi per metro cubo nelle stazioni urbane e industriali, e "tutte le eccedenze sono state registrate in Italia". Anche i livelli di polveri ultrasottili sono risultate "piu' alte del normale" in alcuni Paesi tra cui il nostro, e i valori di diossido di azoto hanno raggiunto livelli "critici" in 13 stazioni di misurazione rurale, "principalmente in Italia". Secondo l'Agenzia europea dell'Ambiente "le piu' grandi conseguenze attribuibili all'esposizione a diossido di azoto (NO) e' visibile nella valle del Po", dove si oltrepassa il limite Ue di concentrazione media annua di 25 microgrammi per metro cubo d'aria. Mentre per quanto riguarda l'ozono (O3), "i Paesi con i maggiore impatto sulla salute sono Italia, Germania, Spagna, Francia e Polonia".