IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Ecco alcune foto scattate durante la serata del 16-05-2017


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2017-02-27
AIFA: nuova pagina web per segnalare reazioni avverse
Roma, 27 febbraio 2017 - E' stata aggiornata la pagina del portale dell'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) che descrive le modalità di segnalazione delle sospette reazioni avverse ai medicinali con il link per effettuare una segnalazione direttamente online. La normativa europea sulla farmacovigilanza richiede a tutti gli operatori sanitari e ai cittadini di segnalare qualsiasi sospetta reazione avversa da medicinali e vaccini, sia grave che non grave. Secondo quanto ribadito dal Decreto del Ministero della Salute 30 aprile 2015, vanno segnalate alla Rete Nazionale di Farmacovigilanza dell'Aifa entro 2 giorni (36 ore per farmaci biologici e vaccini) da quando il medico o l'operatore sanitario ne viene a conoscenza. Le modalità, ricorda il sito dell'agenzia sono quindi due: direttamente online sul sito www.vigifarmaco.it, o compilando la scheda (elettronica o cartacea) da inviare al Responsabile di farmacovigilanza della propria struttura di appartenenza oppure al Titolare dell'Autorizzazione all'Immissione in Commercio del medicinale che si sospetta abbia causato la reazione avversa. In particolare su www.vigifarmaco.it, da poco entrato a pieno regime, anche i cittadini possono inviare facilmente una segnalazione, seguendo la procedura guidata.