IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2017-02-13
Boom di nuovi virus e batteri, quadruplicate le malattie infettive
Roma, 13 febbraio 2017 - Dagli anni 60 ad oggi il numero di nuovi virus e batteri scoperto è in aumento e oggi le nuove malattie infettive sono quadruplicate. E’ quanto affermano i dati della EcoHealth Alliance, un consorzio di ricercatori da cui si deduce che il fenomeno riguarda tutto il mondo. “Solo negli ultimi due decenni - sottolineano gli esperti - più di una dozzina di nuovi virus e batteri capaci di provocare malattie nell'uomo sono stati scoperti in Nord America, mentre l'Asia ne ha avuti 17, l'Africa 7 e l'Europa almeno 18, con qualche caso anche in Italia, che ad esempio ha avuto il primo paziente al mondo colpito da babesiosi, una infezione trasmessa da un protozoo, nel 1998”. “Da una parte a causare il boom sono i metodi sempre più sofisticati per scovare e caratterizzare i virus - spiega Barbara Han del Cary Institute of Ecosystem Studies -, ma questa non è la sola ragione. Non ci sarà mai un modo perfetto per tenere conto delle differenze nei campionamenti e nelle analisi - spiega -, ma anche se cerchiamo di compensare con il maggior numero di informazioni a disposizione oggi, continuiamo a trovare un aumento delle malattie”.