IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2017-02-10
Tumore del pancreas: verso un test del sangue per la diagnosi precoce

Roma 10 febbraio 2017 – Il cancro del pancreas è una delle neoplasie più insidiose e difficili da trattare. A breve però potrebbe essere disponibile un esame del sangue per la diagnosi precoce della patologia. Scienziati dell’Arizona State University in Tempe stanno studiano il test come ha reso noto la rivista Nature Biomedical Engineering. Attualmente non sono state ancora trovate delle molecole che fungano da 'marcatori' della presenza di tumore. Molecole simili servirebbero per scoprire il cancro quando ancora è curabile. Gli esperti Usa hanno visto che - già in fase precoce - il tumore rilascia delle vescicole (specie di microscopiche bolle che gemmano dalla superficie delle cellule) e che queste vescicole portano in superficie una molecola che funge da 'etichetta' di riconoscimento del tumore stesso, 'EphA2'. Con una tecnica basata sulle nanoparticelle gli esperti hanno ideato un modo di trovare, a partire anche da una sola goccia di sangue, la presenza di vescicole che espongono EphA2 e, quindi, di predire con accuratezza se quel sangue appartiene a pazienti con tumore o in persone sane di controllo.