IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2017-02-09
HPV virus sconosciuto per il 55% dei giovani italiani maschi
Roma, 09 febbraio 2017 – Giovani italiane più informate dei loro coetanei maschi sulle infezioni sessuali da Papillomavirus umano (HPV). Il 63% dei ragazzi tra i 12-24 anni ha infatti sentito parlare dell’agente patogeno. Tra le ragazze la quota sale all’84%, mentre tra i maschi si riduce drasticamente al 45%. Sulle modalità di trasmissione la gran parte cita i rapporti sessuali completi (82%). Sono questi alcuni dei dati contenuti in una ricerca del Censis sulla sessualità dei millennial presentata ieri mattina a Roma durante un convegno. L’80% degli informati dell’esistenza dell’HPV sa che è responsabile di diversi tumori, soprattutto di quello al collo dell’utero. Il 37% è invece a conoscenza che provoca neoplasie che riguardano anche l’uomo (come quelli anogenitali). Il 71% dei giovani che hanno sentito parlare di HPV sa che esiste un vaccino in particolare le ragazze (il 79% a fronte del 55% dei maschi). Sono i più giovani a esserne più frequentemente a conoscenza (l’84% tra i 12-14enni e l’85% tra i 15-17enni), probabilmente grazie alle campagne di vaccinazione. "Le infezioni sessualmente trasmesse costituiscono un insieme di malattie molto diffuse che interessano milioni di individui, ogni anno, in tutto il mondo - ha detto Ranieri Guerra, Direttore generale della Prevenzione sanitaria del Ministero della Salute -. Il nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2017-2019 e il Decreto ministeriale sui nuovi Lea prevedono la vaccinazione HPV nelle ragazze undicenni e l’introduzione della vaccinazione anti- HPV nei maschi undicenni, segnando un notevole progresso rispetto allo scenario precedente".