IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-12-01
Fumo: smettere riduce il rischio di morte anche dopo i 70 anni

Roma, 1 dicembre 2016 – Prima si smette di fumare prima diminuiscono i pericoli per salute. I tabagisti over 70 hanno infatti un rischio di morte più che triplo rispetto ai coetanei non fumatori. È emerso da uno studio pubblicato sull'American Journal of Preventive Medicine. Il lavoro, condotto da Sarah Nash del National Cancer Institute di Bethesda, si è basato su dati relativi a oltre 160 mila persone. E' emerso che mentre appena il 12,1% dei non fumatori è morto intorno ai 70 anni, ben il 33,1% dei 70enni fumatori è deceduto. Invece tra gli ex fumatori è deceduto prematuramente il 16,2% di coloro che anno smesso di fumare tra i 30 e i 39 anni, il 19,7 di coloro che hanno smesso tra i 40 e i 49, il 23,9% di coloro che hanno smesso di fumare tra i 50 e i 59 anni, il 27,9% di coloro che hanno smesso tra i 60 e i 69 anni. Insomma, spiegano gli autori, il messaggio importante è che non è mai troppo tardi per smettere di fumare anche se prima lo si fa meglio è per ridurre il proprio rischio di morte prematura.