IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-11-18
Studio: possibile "risvegliare" le cellule killer dei tumori
Roma, 18 novembre 2016 - I farmaci antitumorali moderni inibiscono l'azione delle cellule 'natural killer' (Nk), i 'soldati' del sistema immunitario, ma ci sono dei metodi per 'risvegliarle'. Lo ha scoperto uno studio dell'ospedale Bambino Gesù di Roma, dell'Università di Genova, dell'AOU S. Martino IST di Genova e dell'Istituto Gaslini di Genova, pubblicato dalla rivista scientifica Oncotarget.   Lo studio, finanziato da Airc, è stato condotto sul melanoma, un tumore in cui si usano terapie combinate. "Proprio nell'ottica di terapie combinate, ci siamo chiesti se l'uso dei nuovi farmaci efficac nella terapia del melanoma, quali gli inibitori di MEK e BRAF, oltre ad agire contro le cellule tumorali, interferissero con l'attività anti-cancro delle NK - illustra Gabriella Pietra, dell'Università di Genova -. Il nostro studio ha dimostrato una forte compromissione dell'attività NK da parte dell'inibitore di MEK, solo parziale nel caso di BRAF".   Le cellule Nk, spiegano gli autori dello studio coordinato da Lorenzo Moretta del Bambino Gesù, possono però essere riattivate. "L'aiuto è venuto da due citochine che fortificano le cellule NK - spiega Pietra -, la IL-15 e la IL-18. Cellule NK trattate con IL-15 e IL-18, pur in presenza dei farmaci inibitori, sono perfettamente in grado di uccidere cellule tumorali".