IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-11-11
Cancro prostatico localizzato: quasi metà dei pazienti cerca un secondo parere specialistico
Roma, 10 novembre 2016 – Nonostante una percentuale significativa di uomini con carcinoma prostatico localizzato chieda e ottenga un secondo parere urologico, la motivazione di questa scelta non dipende né dalla necessità di scegliere una terapia definitiva né dalla ricerca di una migliore qualità di cura. Lo sostiene Craig Evan Pollack, oncologo della Divisione di Medicina Interna alla Johns Hopkins University di Baltimora, Maryland, e coordinatore di uno studio appena pubblicato sulla rivista Cancer. «Il National Cancer Institute e l'American Cancer Society incoraggiano i pazienti con tumore della prostata a cercare un secondo parere specialistico prima di iniziare il trattamento allo scopo di pesare rischi e benefici di ogni terapia all'interno di un'ampia scelta di opzioni a seconda delle preferenze personali» esordisce l'autore, sottolineando che consultare un secondo urologo può essere utile anche per avere maggiori informazioni sulla diagnosi e per comprendere meglio la propria malattia. Questo in teoria. «In pratica, invece, si sa poco su chi realmente cerca un secondo parere, sulle motivazioni che lo spingono e sull'impatto della seconda opinione medica sulla scelta del trattamento e sulla qualità di cura percepita dal paziente» scrivono gli autori, che hanno valutato la frequenza, i motivi e le caratteristiche delle persone che cercano una seconda opinione per un carcinoma prostatico localizzato. Basandosi sui risultati di studi precedenti, i ricercatori hanno ipotizzato che un secondo parere aumenti le probabilità di decidere la cura in modo definitivo, lasciando invece invariata la qualità di cura percepita rispetto ai pazienti seguiti da un solo specialista. Partendo da questi presupposti gli autori hanno intervistato gli uomini che avevano ricevuto diagnosi di cancro alla prostata localizzato nell'area metropolitana di Philadelphia dal 2012 al 2014, chiedendo loro se avessero consultato un secondo urologo e le motivazioni. «Su oltre 2.300 partecipanti, il 40% ha ottenuto un secondo parere» spiega l'oncologo. Le ragioni? La più comune era di avere ulteriori informazioni sul cancro (50,8%) e la seconda di volere una visita dal miglior medico disponibile (46,3%). Nessuna associazione, invece, tra secondo parere e decisione definitiva sul trattamento o qualità percepita della cura del cancro.