IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-11-10
Fumo: bastano 50 sigarette per trasformare il DNA
Roma, 10 novembre 2016 – Ogni 50 sigarette fumate avviene una mutazione genetica per ogni cellula polmonare. E’ questa la scoperta fatta dai ricercatori del Wellcome Trust Sanger Institute e del Los Alamos National Laboratory, in New Mexico (USA). Gli scienziati statunitensi hanno confrontato il DNA dei tumori di 2500 fumatori e di 1000 non fumatori e sono riusciti a contare quante mutazioni genetiche si accumulano a causa del fumo durante la vita. Lo studio nelle intenzioni degli autori potrebbe diventare la base per analizzare anche i danni del fumo passivo. Il vizio non provoca danni solo alle vie respiratorie. Infatti se si consuma un pacchetto da venti al giorno, per un anno, si può arrivare ad avere 150 mutazioni per ogni cellula polmonare, 97 per ogni cellula della laringe, 39 per quelle della faringe, 18 per ogni cellula della vescica e 6 per quelle del fegato. Ognuna di queste mutazioni del DNA potrebbe portare alla formazione di cellule cancerogene. Non è però automatico che ciò avvenga, non si conoscono infatti le probabilità che si hanno di contrarre il tumore. Inoltre, non è neanche ancora noto quale di queste mutazioni sia la più pericolosa. Questo è il motivo per cui molti fumatori trascorrono la loro vita senza sviluppare queste patologie, nonostante abbiano accumulato diverse mutazioni genetiche.