IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-10-13
Tumori: immunoterapia, le cure riguarderanno tutta l'oncologia
Copenaghen, 13 ottobre 2016 - Un ''cambiamento epocale, che presto riguarderà tutta l'oncologia''.  L'immunoterapia, che utilizza il sistema immunitario come 'arma' decisiva per contrastare i tumori, continua a rivelarsi efficace nel trattamento di un numero sempre maggiore di neoplasie: oltre a cancro al polmone, fegato, melanoma, nuovi risultati si sono registrati anche contro i tumori della testa e del collo, del rene, della vescica, mielomi e alcuni linfomi. Ma la novità è che molte sperimentazioni si stanno avviando nel mondo per testare l'immunoterapia pure nel trattamento dei tumori rari quali i sarcomi o i tumori pediatrici. E’ quanto è emerso dall’ultimo Congresso della Società Europea di Oncologia Medica (ESMO), che si è appena concluso a Copenaghen. La 'svolta' è infatti confermata dai molti studi e dati in Danimarca. L'immunoterapia ha già cambiato la vita di centinaia di pazienti con tumore al polmone, una delle neoplasie per le quali si registrano maggiori risultati, tanto che si è arrivati ad una riduzione del 47% del rischio di mortalità grazie ad un'ultima molecola i cui risultati sono stati presentati all' ESMO. Ma nuovi dati si registrano anche per un tumore particolarmente grave come quello del testa-collo recidivo o metastatico.