IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-10-10
Oncologi Ue contro il fumo, giusto aumento prezzo sigarette
Roma, 10 ottobre 2016 - Gli oncologi europei 'dichiarano guerra' al fumo e alle sigarette: il fumo è responsabile di un caso di tumore su 3 e "aumentare il prezzo delle sigarette sarebbe una misura da perseguire anche perché lo Stato ne trarrebbe profitti economici in ogni caso". E' la posizione espressa dal presidente della Società europea di oncologia medica, l'oncologo italiano Fortunato Ciardiello che, in occasione del congresso della Società scientifica in corso a Copenaghen, ha espresso totale appoggio alla richiesta dell'Associazione italiana di oncologia (Aiom) di una tassa di un cent a sigaretta per istituire un fondo nazionale per i farmaci oncologici.  "Da una parte - afferma Ciardiello - dal Congresso Esmo emergono importanti novità e studi su nuove terapie per il trattamento dei tumori, dall'altra bisogna dire chiaramente che è la prevenzione il primo e più importante passo: se oltre ad eliminare il fumo si incentivassero anche una dieta corretta e l'attività fisica riusciremmo a prevenire 4 casi di tumore su 10". Per questo, prevedere ''un maggior costo delle sigarette è giusto, e questo non comporterebbe comunque minori entrate per lo Stato. Infatti, l'aumento del prezzo determinerebbe la riduzione di una certa quota di fumatori ma la quota restante di fumatori, pagando di più - conclude - garantirebbe comunque entrate equivalenti''.