IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-10-04
In Italia 1,6 miliardi l'anno 'bruciati' da farmaci falsi
Roma, 04 ottobre 2016 - I farmaci contraffatti fanno male alla salute ma anche all'economia. Le mancate vendite del settore farmaceutico italiano dovute al mercato di medicinali di contrabbando, causano ogni anno nel nostro Paese perdite fino a 1,59 miliardi di euro, pari al 5% delle vendite dell'industria italiana dei farmaci, cui si aggiunge la perdita di 3.945 posti di lavoro diretti. E' quanto emerge da una relazione dell'Ufficio dell'Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO), mirata, spiega il direttore esecutivo, António Campinos, "a fornire elementi di analisi oggettivi per aiutare i decisori politici nell'elaborazione di misure con cui contrastare la contraffazione dei farmaci". Ampliando lo sguardo a tutta l'Unione Europea, la relazione mostra che il 4,4% delle vendite legittime di prodotti farmaceutici va perso ogni anno a causa della contraffazione. Mancate vendite che si traducono in una perdita diretta di 10,2 miliardi di euro annui nel settore farmaceutico dell'UE e in 37.700 posti di lavoro in meno per via del fatto che i legittimi produttori e distributori di farmaci impiegano meno personale di quanto farebbero se non esistesse la contraffazione. Ma se si prendendo in considerazione anche gli effetti a catena su altri settori, al bilancio negativo si aggiungono ulteriori 53.200 posti di lavoro persi in altri comparti dell'economia dell'UE.