IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-09-28
OMS: il 92% della popolazione mondiale vive in zone inquinate
Roma, 28 settembre 2016 – Una nuova mappa interattiva mostra le aree del mondo in cui l'aria è 'avvelenata' e si superano i limiti definiti dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sicuri per la salute. Ebbene, il 92% della popolazione mondiale vive oggi in luoghi in cui la qualità dell'aria è oltre i limiti. Un pericolo per la salute, dal momento che circa 3 milioni di morti l'anno sono legate allo smog. E la nuova mappa permette di evidenziare le singole aree più inquinate nei vari Paesi. "Il nuovo modello mostra i Paesi in cui ci sono punti con un inquinamento atmosferico pericoloso, e fornisce una base per monitorare i progressi nella lotta" allo smog, spiega Flavia Bustreo, vicedirettore generale dell'Oms. Non solo. La mappa collega anche l'inquinamento ambientale con i dati di salute, Paese per Paese, segnalati all'Oms. Il modello si basa su dati derivati da misure satellitari, modelli di trasporto aereo e monitoraggio delle stazioni a terra per più di 3.000 località, rurali e urbane. Ed è stato sviluppato dall'Oms in collaborazione con l'Università di Bath, nel Regno Unito. Se 3 milioni di morti l'anno sono legati ai veleni che respiriamo all'esterno, anche l'inquinamento negli ambienti chiusi può essere letale. Si stima che 6,5 milioni di morti (l'11,6% di tutti quelli registrati a livello mondiale) solo nel 2012 siano associati all'inquinamento dell'aria interna ed esterna. Inoltre quasi il 90% dei decessi da inquinamento si verifica nei Paesi a basso e medio reddito, con quasi due morti su tre in Asia sud-orientale e nelle regioni occidentali del Pacifico.