IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-08-26
Terremoto: AIFA e Banco farmaceutico pronti a fornire medicinali
Rimini, 26 agosto 2016 - L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e il Banco farmaceutico sono pronti “a mettere in atto tutte le iniziative necessarie per intervenire e sensibilizzare la filiera farmaceutica per mettere a disposizione delle popolazioni colpite dal terremoto i farmaci necessari per la tutela della loro salute”. E’ quanto ha annunciato ieri il presidente dell’AIFA, Mario Melazzini, a margine di un convegno che si è svolto nella giornata di chiusura del Meeting di Rimini di Comunione e liberazione. “L’Agenzia - ha aggiunto Melazzini - è pronta a portare il proprio contributo, in uno sforzo congiunto con tutte le Istituzioni sanitarie già attive sul campo, come la Protezione civile e il ministero della Salute”. “Purtroppo questa mattina - ha affermato dal canto suo Paolo Gradnik, presidente di Banco farmaceutico - siamo partiti avendo negli occhi e nel cuore il dolore per le vittime del terremoto. Siamo a disposizione per fornire tutti i farmaci che saranno effettivamente necessari e richiesti dalla Protezione civile e dalle altre Istituzioni chiamate a gestire l'emergenza”.