IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-07-26
Smettere di fumare riduce anche l'assunzione di alcol
Roma, 26 luglio 2016 – Alcol e sigarette sono due vizi che spesso vanno a braccetto ma che si possono combattere insieme. E’ quanto sostiene uno studio inglese dell’University College di Londra secondo il quale chi cerca di smettere di fumare è anche più propenso a bere di meno. Già precedenti ricerche avevano evidenziato come le due dipendenze siano strettamente collegate. Lo studio ha coinvolto 6.287 persone rappresentative della popolazione adulta inglese, che hanno riferito di fumare tra marzo 2014 e settembre 2015. Di questi, 144 avevano iniziato a smettere di fumare nella settimana prima dell'indagine. Gli intervistati sono stati sottoposti a un questionario specifico, da cui è emersa l'associazione tra tentativi di ridurre il tabacco e quantità di alcol assunto. "Questi risultati vanno contro l'opinione diffusa che le persone che smettono di fumare tendono a bere di più per compensare", commenta l'autore Jamie Brown. Tuttavia lo studio, pubblicato sulla rivista open access BMC Public Health, è di tipo osservazionale, ovvero non può dimostrare causa ed effetto del fenomeno individuato. “Sarà inoltre necessario - aggiunge il ricercatore - escludere altri fattori che rendono entrambi più probabile", come ad esempio la diagnosi di un problema di salute che causa i tentativi di ridurre entrambi”.