IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-07-18
AIFA: "su biosimilari e’ necessaria maggiore cultura”
Roma, 18 luglio 2016 – “I biosimilari costituiscono una risorsa terapeutica importante e uno strumento prezioso per l’accesso al farmaco in numerose patologie”. E’ quanto ha affermato dal prof. Mario Melazzini, Presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) in occasione della presentazione del Consensus Paper sui farmaci biosimilari. “L’AIFA è da sempre attenta al loro utilizzo e ha espresso con chiarezza e in assoluta trasparenza la propria posizione - ha aggiunto Melazzini -. Colgo l’occasione per ricordare che da poco è stato lanciato un secondo concept paper sui farmaci biosimilari che è aperto ai commenti degli stakeholder fino al 15 settembre. Non bisogna cadere nell’errore di considerare questi farmaci in un’ottica legata esclusivamente al risparmio e alla sostenibilità. È necessario un cambiamento nell’approccio culturale da parte di tutti, pazienti in primis, ed è opportuna un’opera di informazione e dialogo per permettere a tutti gli attori interessati di poter compiere scelte consapevoli - ha sottolineato il Presidente AIFA -. I biosimilari si sono affacciati sul mercato circa dieci anni fa e nel prossimo futuro assisteremo all’arrivo di diverse nuove molecole che avranno un impatto rilevante sulla pratica clinica. Dobbiamo utilizzare tutte le risorse che abbiamo a disposizione per acquisire il maggior numero di evidenze e ampliare il bagaglio di conoscenze a disposizione di medici e pazienti”.