IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-06-17
Lorenzin: "Ragioniamo su estensione fondo per i farmaci innovativi"
Roma, 17 giugno 2016 - “Ne stiamo parlando nell'ambito della riforma della governance, noi siamo stati il primo Paese a istituire un fondo per i farmaci innovativi in cui ci sono i finanziamenti per i prodotti per l'epatite C, che dobbiamo rifinanziare il prossimo anno, ma stiamo ragionando e vedendo le coperture per inserire all'interno del fondo anche parte dei nuovi oncologici, ovviamente quelli che hanno un tasso di innovazione più alto”. E’ quanto ha affermato il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ieri a Roma a un convegno sulla sostenibilità del servizio sanitario nazionale. “Noi siamo all'interno di un vero e proprio cambio di paradigma - ha aggiunto - ed è anche vero che quello che all'inizio costa di più, poi costa di meno, in termini di minori cronicità, dobbiamo quindi cominciare a calcolare anche i costi evitati, e fare una valutazione della 'costo efficacia' di questi farmaci. Non bisogna essere spaventati dal prezzo, sicuramente il mio obiettivo è dare queste terapie a tutti, ma badando solo al prezzo falliremmo. Il nostro compito è organizzare dei modelli nazionali e sovranazionali per far sì che questo cambiamento sia positivo. Siamo nell'età dell'oro, ma l'oro lo stiamo gestendo come eccezione, quando diventerà la normalità. La mia idea è ampliare il fondo, e a regime bisognerà sapere gestire non l'eccezione, bensì la regola. Se avverrà questo il SSN resisterà”.