IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-06-14
Studio: provare la sigaretta elettronica aumenta di 6 volte il rischio di tabagismo
Roma, 14 giungo 2016 – I giovani che hanno provato, almeno una volta, la sigaretta elettronica sono sei volte più propensi a passare al consumo abituale di tabacco. E’ quanto afferma una ricerca americana coordinata da Jessica Barrington-Trimis dell’University of Southern California, recentemente pubblicata su Pediatrics. Gli scienziati d’Oltreoceano si sono basati su un’indagine che ha coinvolto 300 studenti delle scuole superiori. Nel 2014, circa metà dei partecipanti ha dichiarato di aver provato almeno una volta la sigaretta elettronica. Nel 2015, circa il 40% di quelli che avevano provato la e-cigarette ha dichiarato di aver fumato anche le normali sigarette, rispetto invece all’11% di quelli che avevano dichiarato di non aver mai provato la sigaretta elettronica. Secondo Barrington-Trimis e colleghi, dunque, chi ha provato la e-cig avrebbe una maggiore probabilità di passare a fumare le normali sigarette. E in particolare, tra gli adolescenti che avevano dichiarato di non avere nessuna intenzione di iniziare a fumare, la probabilità di passare alle bionde è stata di 10 volte maggiore, rispetto ai ragazzi che non avevano mai provato la sigaretta elettronica. “Quello che potrebbe essere accaduto è che questi ragazzi non sono diventati fumatori regolari di e-cigarette – ha sottolineato – perché se fossero stati fumatori abituali di sigarette elettroniche non sarebbero mai passati al tabacco”, ha concluso l’esperta.