IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-06-13
Tumore della prostata: la sconfitta della malattia passa anche dallo sport
Roma, 13 giugno 2016 – Lo sport è un nuovo “farmaco” che può avere un effetto benefico per i pazienti colpiti da tumore della prostata. E’ quanto ha scoperto uno studio chiamato INTERVAL, è stata recentemente presentata all’ASCO, il congresso degli oncologi medici americani di Chicago. La ricerca è stata condotta da Fred Saad, urologo -oncologo e ricercatore all’Università di Montereal Hospital Research Centre (CRCHUM) insieme a Robert Newton, professore all’Edith Cowan University Exercise Medicine Research Institute in Australia. "E' uno studio interessante. I pazienti con metastasi spesso diventano sedentari e si ritiene che questo incida sulla progressione del tumore - spiega il professor Giario Conti, segretario nazionale SIUrO, primario urologo all'Ospedale Sant’Anna di Como -. Un esercizio fisico mirato può essere un alleato efficace delle terapie contro il cancro.  I pazienti devono muoversi: l'esercizio rinforza l’intero organismo, e lo mette in grado di affrontare meglio le terapie necessarie, sai dal punto di vista fisico che da quello psicologico. Spesso sono le famiglie che ‘frenano’ il malato, proteggendolo in maniera eccessiva. E’ importante invece che chi soffre di un tumore conduca una vita per quanto possibile dinamica e ricca di stimoli”.