IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-06-09
De Lorenzo confermato presidente della coalizione europea dei malati di cancro (ECPC) per altri 3 anni

Roma, 9 giugno 2016 – Il Prof. Francesco De Lorenzo, presidente della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO), è stato confermato Presidente della European Cancer Patient Coalition (ECPC - www.ecpc.org), cui afferiscono oltre 400 associazioni di malati di cancro in tutta Europa. 

 
Insieme a lui sono stati eletti: Kathi Apostolidis (Dedidika, Grecia - Vice presidente); Jana Pelouchova (Diagnoza CL, Repubblica Greca - Segretario); Andrew Winterbottom (Fight Bladder Cancer, Regno Unito - Tesoriere); Szymon Chrostowski (Polish Cancer Patient Coalition, Polonia); Dan Cimpoeru (FABC, Romania); Natacha Bolanos (GEPAC, Spagna). Pietro Presti (Fondazione Edo and Elvo Tempia) è stato eletto Presidente dell’Audit Committee. 
 
La sua Presidenza è stata caratterizzata da una proficua collaborazione con il Parlamento e la Commissione Europea. Tra i risultati più importanti di questa sinergia la recente approvazione ad ampissima maggioranza del Parlamento Europeo degli emendamenti presentati dall’On. Gardini, su proposta ECPC, che introducono una valutazione a livello europeo di riferimento dell’efficacia comparativa dei nuovi medicinali, eliminando sprechi e inefficienze a livello nazionale. 
 
De Lorenzo ha inoltre prodotto un Rapporto sulle disuguaglianze nella cura del cancro in Europa, in collaborazione con il Prof. Richard Sullivan (King’s College London) e il Prof. Mark Lawler (Queen’s University Belfast), massimi esperti europei in tale ambito. Il Rapporto ha ispirato una successiva azione parlamentare da parte di ECPC, confluita in una Dichiarazione scritta sui diritti dei malati di cancro, sottoscritta da più di 260 parlamentari europei e discussa in sessione plenaria. ECPC ha anche avviato una stretta collaborazione con la Commissione Europea, attraverso una capillare presenza nei principali tavoli di dibattito europei. 
 
De Lorenzo, in rappresentanza di ECPC, fa parte della Commissione di Esperti sul Controllo del Cancro della Direzione Generale Salute della Commissione Europea e partecipa attivamente all’Azione Congiunta della Commissione Europea sul Controllo del Cancro (CanCon), una iniziativa che coinvolge 17 Ministeri della Salute europei con l’obiettivo di armonizzare i piani oncologici nazionali e condividere le migliori pratiche per la lotta contro il cancro. Il contributo di De Lorenzo è stato cruciale nello sviluppo di un modello europeo per il follow up ed il ritorno ad una vita normale delle persone guarite dal cancro (WP8) e nella stesura di un piano per documentare ed affrontare le disuguaglianze nella cura del cancro condiviso dai 17 paesi coinvolti in CanCon (WP5). 
In coincidenza con l’insediamento del nuovo comitato esecutivo di ECPC, De Lorenzo ha ricevuto una lettera dal Commissario Europeo per la Salute e la Politica dei Consumatori, Vytenis Andriukaitis, in cui viene espressa piena condivisione di riferimento alla richiesta avanzata da ECPC per una sempre maggiore armonizzazione della procedura dell’Health Technology Assessment (HTA) a livello europeo (clic per scaricare la lettera). 
 
Il Commissario sottolinea inoltre “l’importanza di una maggiore cooperazione tra gli Stati Membri dell’UE per ridurre la duplicazione degli sforzi e arrivare a garantire ai pazienti l’accesso tempestivo a trattamenti veramenti innovativi”. In conclusione, Andriukaitis afferma che “le future discussioni dovranno tenere conto delle questioni sollevate da ECPC. Il mio servizio ha quindi avviato un’analisi dell’attuale situazione della cooperazione europea sulla HTA e sull’identificazione delle possibili strategie attuative. Qualunque contributo ECPC intende dare al rigurdo sarà ben accetto.”