IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-06-06
Social media arma contro il cancro, per scienza sono un “valido supporto”
Chicago, 6 giugno 2016 - Una ricerca austriaca, condotta dalla divisione di senologia dell'università di Vienna, ha analizzato e sintetizzato i dati positivi successivi alla diffusione delle scelte di Angelina Jolie sul carcinoma ereditario. Si è così osservato che subito dopo la diffusione di notizie sui media delle operazioni al seno e alle ovaie a cui si era sottoposta l'attrice, un numero considerevole di giovani austriache si è rivolto ai medici per verificare il personale rischio ereditario. Un altro studio presentato da Seth Blumberg, del St Marys Medi da Seth Blumberg, del St Marys Medical Center di San Francisco, ha invece analizzato oltre 30mila tweet di donne che si erano sottoposte a colonscopia, Pap Test e mammografia. L'analisi dei sentiment espressi dalle pazienti ha evidenziato esperienze negative e positive, ma queste ultime sono quelle che maggiormente avrebbero il potere di "rimanere nel tempo ed essere più influenti" verso parenti ed amici. Skype sarebbe invece in grado di favorire una sorta di 'sostegno psicologico'. Una ricerca presentata dall'Oncological Hospice Foundation di Varsavia ha mostrato come in una comunità di pazienti oncologici metastatici la connessione video via-Skype può essere utilizzata per fornire supporto di e-hospice soprattutto in presenza di cure palliative, contribuendo ad affrontare forme di ansia e depressione, con un'influenza sulla qualità della vita di tutti i giorni. La relazione social media e tumori non è pero solo rose e fiori. Michael Fisch – direttore dell'oncologia medica di Aim Specialty Health e coordinatore del gruppo social media di Asco - ha ribadito come sia necessario "governare" i messaggi che circolano sui vari network e che allo scopo sarebbe utile una formazione medica universitaria in oncologia che tenga conto dei social media ai fini di una corretta relazione medico paziente.