IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore pu˛ essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-05-19
Appello all'Europa: "l'obesitÓ sia riconosciuta come malattia cronica"
Roma, 19 maggio 2016 – L’obesità deve essere riconosciuta come una patologia cronica a livello europeo. E’ questo l’obiettivo di un gruppo di Parlamentari di Strasburgo (di tutti gli schieramenti politici), della Società europea dell'obesità (EASO) e di alcune associazioni scientifiche nazionali. La decisione è stata presa ieri durante una riunione per la presentazione della Giornata Europea dell'Obesità, che si svolgerà il prossimo 21 maggio. I promotori ha sostenuto la necessità di una "dichiarazione scritta" che invita Commissione Europea e Consiglio d'Europa “ad agire in vista di un riconoscimento armonizzato, a livello europeo, dell'obesità come malattia cronica". Si stima che il grave eccessi di peso colpirà, entro il 2030, il 50% dei cittadini europei e in molti Paesi, tra persone obese e sovrappeso, si raggiungerà il 90% della popolazione. Sulla necessità che le Istituzioni europee e il Governo italiano prestino la massima attenzione al tema dell'obesità si è espresso, infine, anche Walter Ricciardi, Presidente Istituto superiore di sanità. "Per la prima volta nella storia di questo Paese - ha ricordato - il Rapporto Osservasalute riscontra come l'aspettativa di vita degli italiani sia diminuita rispetto al passato: per gli uomini è stata di 80,1 anni nel 2015 rispetto agli 80,3 dell'anno precedente; analogo trend per le donne, con 84,7 anni contro 85,0. La colpa sta nella scarsa propensione degli Italiani alla prevenzione e nella poca attenzione verso uno stile di vita adeguato a ridurre il rischio delle malattie croniche non trasmissibili”.