IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore pu˛ essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-05-18
EtÓ e stile di vita dei papÓ influenzano la salute dei figli
Washington, 18 maggio 2016 – Anche gli stili di vita del padre (e non solo quelli della madre) influenza la salute dei figli. E’ quanto evidenza una revisione di studi che ha confermato l'esistenza di un legame tra difetti alla nascita e l'eta' del padre, nonché il consumo di alcolici e altri fattori ambientali che lo riguardano. Lo studio, condotto da un gruppo di ricercatori della Georgetown University Medical Center, è stato pubblicato sull'American Journal of Stem Cells. Secondo i ricercatori, i difetti alla nascita potrebbero derivare da alterazioni epigenetiche che possono influenzare potenzialmente le generazioni future. "Sappiamo che l'ambiente nutrizionale, ormonale e psicologico fornito dalla madre altera in modo permanente la struttura degli organi, la risposta cellulare e l'espressione genetica nella sua prole", ha spiegato Joanna Kitlinska, autrice della ricerca. "Ma il nostro studio - ha aggiunto - mostra che la stessa cosa è vera anche con i padri. Il suo stile di vita e quanti anni ha può riflettersi nelle molecole che controllano la funzione dei geni. In questo modo, un padre può influenzare la prole non solo nell'immediato, ma anche nelle generazioni future". Ad esempio, un neonato può soffrire di sindrome feto-alcolica anche se la madre non ha mai consumato alcol. "Fino al 75% dei bambini con sindrome feto-alcolica hanno padri biologici alcolisti, il che suggerisce che il consumo di alcol del padre prima del concepimento può influire negativamente sulla loro prole". Tra gli altri studi esaminati, c'è anche uno che dimostra una correlazione tra la schizofrenia, l'autismo e altri difetti alla nascita se il papa' è in eta' avanzata.