IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore pu˛ essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-05-13
ObesitÓ, scoperto l'ormone che raddoppia il rischio
Roma, 13 maggio 2016 – E’ stato scoperto un ormone intestinale che raddoppia il rischio di obesità. E’ la neurotensina, che rallenta il metabolismo e che quindi induce il corpo a bruciare meno calorie. E’ quanto sostiene un team di scienziati statunitensi della Kentucky University. La nuova scoperta potrebbe portare alla creazione di una pillola (o inizione) che riduce l’ormone e quindi anche il grave eccesso di peso. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature ed è stato condotto su 4.632 uomini e donne svedesi. I partecipanti con più alti livelli di neurotensina sono stati quelli con il doppio delle probabilità di essere obesi nella mezza età, rispetto a quelli con livelli più bassi dell'ormone. L’ormone controlla l'appetito e viene rilasciata dall'intestino dopo un pasto. L'ormone è stato collegato anche allo sviluppo del cancro al seno, del diabete e delle malattie cardiache. Questo, invece, è il primo studio a trovare un legame con l'obesità. Ora i ricercatori sperano di utilizzarlo come bersaglio per i trattamenti dell'obesità. Hanno infatti già dimostrato che i topi con una carenza di neurotensina sono maggiormente protetti dall'obesità e dal diabete, compresi quelli alimentati con una dieta ricca di grassi. Ulteriori esperimenti condotti sui topi e sui moscerini della frutta hanno permesso di scoprire che l'ormone inibisce l'attività di un enzima chiave chiamato AMPK, che regola il metabolismo. Si ritiene che questo "percorso molecolare" sia frutto dell'evoluzione in quanto favorirebbe l'assorbimento efficace dei grassi ingeriti.