IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-05-02
De Biasi: “Combattere il cancro è una lotta che riguarda tutti i cittadini”

Roma, 02 maggio 2016 – “Il rapporto di AIOM sullo stato dell'oncologia è come sempre di particolare interesse e sollecita il mondo istituzionale a diverse riflessioni per giungere ad azioni concrete, innanzitutto per continuare a combattere il cancro e per fare in modo che questa lotta riguardi tutti i cittadini, segnalando l'universalismo del Servizio sanitario nazionale nel campo delle grandi malattie”. E’ questo il commento che è apparso sul sito ufficiale della Presidente della Commissione Sanità del Senato Emilia De Biasi che giovedì scorso ha partecipato al convegno dell’AIOM Lo Stato dell’Oncologia in Italia. “Una lotta, quella alle grandi malattie, che può essere oggi condotta con più speranza grazie ai farmaci innovativi, ai farmaci biologici, grazie al lavoro incessante degli oncologi e del personale sanitario ospedaliero e territoriale e grazie anche al lavoro incessante della ricerca nel nostro Paese - ha aggiunto la senatrice -. Certo, ci sono ancora molti problemi aperti. Ad esempio la differenza tra le Regioni, poi i problemi legati alla cronicità: sappiamo che si sopravvive al cancro in moltissimi casi ormai, più di tre milioni di persone guariscono, dice il rapporto, ma queste persone hanno elementi di cronicità e problemi nella loro malattia, e devono trovare nell'ospedale e anche nei servizi territoriali uguali prestazioni su tutto il territorio nazionale”.