IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-04-21
Oncologi USA raccomandano il vaccino anti-HPV contro i tumori
Roma, 21 aprile 2016 - La Società americana di oncologia (ASCO), in un editoriale pubblicato sul Journal of Clinical oncology, raccomanda fortemente la vaccinazione preventiva contro il Papillomavirus umano (HPV). L'ASCO mira infatti ad aumentare la consapevolezza dell'impatto globale dei carcinomi correlati all'HPV e vuole offrire chiarimenti sulla capacità della vaccinazione di prevenire milioni di morti per cancro. Gli oncologi Usa invitano dunque ad aumentare l'adesione alla vaccinazione tramite un maggiore coinvolgimento degli oncologi nel garantire adeguata informazione e chiedendo l'attuazione di strategie per abbattere le barriere di accesso ai vaccini. ''L'implementazione dei vaccini contro le patologie HPV-correlate - commentano Luciano Mariani, ginecologo, ed Aldo Venuti, virologo, coordinatori dell'HPV Unit degli Istituti Fisioterapici Ospitalieri IFO - ha aperto uno straordinario scenario di prevenzione primaria. Il virus HPV è infatti il più importante virus oncogeno per la specie umana, essendo la causa nel 100% dei cancri del collo dell'utero e coinvolto, con percentuali variabili, nella genesi di varie altre forme di cancro. Sono almeno 600.000 ogni anno, nel mondo, i casi di tumore correlati all'HPV''. La ''sinergia interdisciplinare - ribadiscono Mariani e Venuti - è però un presupposto imprescindibile al successo del programma vaccinale contro questa infezione e le conseguenze oncologiche che ne possono derivare''. Inoltre, aggiunge Patrizia Vici, oncologo medico dell'Istituto nazionale tumori Regina Elena di Roma, ''fornendo all'utenza corrette ed univoche informazioni mediche, si è favorita, almeno nei Paesi più virtuosi, un'alta adesione ai piani vaccinali, consentendo di avere già risultati positivi''.