IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-04-15
ISS: troppo alcol per 8 milioni di italiani, a rischio giovani e anziani
Roma, 15 aprile 2016 – In Italia sono otto milioni i consumatori di alcol a rischio. 720 mila sono “heavy drinkers” che ne consumano una quantità dannosa per la salute. Solo il 10% di questi bevitori accaniti (circa 73 mila), viene intercettato e avviato ai servizi alcologici del Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Ad alzare di più il gomito sono i ragazzini tra i 16 e 17 anni e gli anziani ultra 65enni. E' questa la fotografia scattata dall'Istat e dall'Istituto Superiore di Sanità. A sorpresa, secondo l'analisi 2011-2014, la prevalenza dei consumatori dannosi di alcol in Italia è più elevata tra gli uomini rispetto alle donne. In Italia, che pure ha ridotto significativamente i consumi, attestandosi a circa sei litri l'anno pro capite e la mortalità specifica, gli uomini rispetto alle donne vedono con una differenza significativa nell'Italia Nord-occidentale e nelle regioni del sud rispetto alla media nazionale. “Nel corso degli anni 2007-2014 non si sono osservate diminuzioni soddisfacenti e il confronto tra gli ultimi due anni non mostrano differenze - si legge nel report - statisticamente significative mostrandosi stabile il numero dei consumatori dannosi in necessità di trattamento”.