IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-04-14
Cancro: il matrimonio può allungare la vita dei pazienti
Roma, 14 aprile 2016 - Essere sposati favorisce la sopravvivenza dei pazienti oncologici. Chi può contare sul supporto di un marito o di una moglie, infatti, ha più chance di sopravvivere alla malattia rispetto ai pazienti soli. E' quanto emerge da uno studio dell'University of California, condotto su quasi 800 mila persone negli Stati Uniti con una diagnosi di tumore tra il 2000 e il 2009. Ebbene, i tassi di mortalità tra i pazienti non sposati sono più alti, si legge sul 'Telegraph', con una differenza particolarmente marcata tra gli uomini single. Se a spiegare questo effetto è in parte anche il fatto che le persone sposate negli Usa hanno una miglior assicurazione sanitaria, i ricercatori hanno scoperto che la chiave della protezione 'matrimoniale' sta nel 'supporto sociale'. Secondo Maria Elena Martinez, leader della ricerca, gli oncologi "dovrebbero essere consapevoli dall'aumento nella mortalità fra gli uomini non sposati", indagando sulla possibilità di appoggiarsi a qualcuno per un sostegno fisico ed emotivo durante il trattamento. Ma anche del fatto che le donne "tendono più degli uomini a chiedere aiuto per problemi di salute, e che proprio le donne tendono a ricordare ai mariti di andare dal medico e di fare una vita sana".