IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-04-06
Studio: fumare danneggia gravemente anche il cervello

Londra, 06 aprile 2016 - Il fumo di sigaretta provoca danni gravissimi al nostro cervello. A sostenerlo sono gli studiosi del King's College di Londra (Regno Unito) che, dopo aver seguito per otto anni 8.800 persone con più di 50 anni, hanno dimostrato che il vizio del fumo fa marcire il cervello e danneggia memoria, apprendimento e ragionamento più di quanto facciano pressione alta e sovrappeso. Lo studio è stato pubblicato su Age and Ageing. I ricercatori hanno indagato il rapporto tra la probabilità di sviluppare un infarto o un ictus e lo stato di benessere del cervello. La salute dei partecipanti è stata valutata all'inizio dello studio, poi dopo 4 e 8 anni, attraverso test appositamente formulati. A conti fatti, è emerso che il rischio di incorrere in un attacco di cuore o in un ictus è “significativamente associato al livello di declino cognitivo”, e che tra il fumo e punteggi più bassi nei test risulta un’“associazione coerente”.