IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-04-05
Lorenzin, presentata a MEF le norma per uscire dai Piani di rientro

Roma, 05 aprile 2016 - “Abbiamo presentato al Ministero dell'Economia e delle Finanze una norma per permettere alle Regioni di programmare la loro uscita dal Piano di rientro che è stato uno strumento molto duro, ma senza il quale probabilmente sarebbe saltato il banco del Servizio sanitario nazionale”. E’ quanto ha affermato ieri, a margine di un incontro, il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. “Con i commissariamenti delle Regioni con i conti della sanità in rosso non hanno funzionato alcune cose - ha osservato il Ministro -. La prima è che per molti anni questi sono stati soltanto un elemento di controllo economico. Però è anche vero che quelle Regioni che erano completamente andate fuori controllo da un punto di vista dell’equilibrio finanziario sono tornate quasi tutte in pareggio. Ora bisogna lavorare moltissimo proprio sui Livelli Essenziali di Assistenza - ha aggiunto la Lorenzin - anche per raggiungere l’obiettivo di un’offerta uniforma in tutta Italia ed evitare i “viaggi della speranza” che ancora oggi spingono soprattutto pazienti del Sud a sportarsi al Nord per ricevere le cure necessarie. Qualche passo avanti è stato fatto. La Calabria prima non era neanche nella classifica dei LEA, oggi almeno è entrata”.