IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-04-04
Studio: scoperte le cellule “hackerate” per sconfiggere i tumori
Roma, 04 aprile 2016 - Programmare le cellule e renderle in grado di riconoscere e reagire ai tumori, ma anche ad altre malattie. E’ quanto hanno realizzato i ricercatori del Mit di Boston e del National Institute of Standards and Technology, che hanno creato un linguaggio di programmazione delle cellule con il quale disegnare circuiti complessi di Dna, assegnando nuove funzioni. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Science, consente ai ricercatori di trasformarsi in "hacker" e decidere se fare rispondere o no le cellule a determinati stimoli ambientali: "disegnare" cellule batterio, ad esempio, capaci di produrre sostanze-farmaco anti cancro quando rilevano un tumore, o cellule-lievito capaci di bloccare il processo di fermentazione se c'è un accumulo di sostanze tossiche. "Si tratta letteralmente di un linguaggio di programmazione per i batteri - spiega sul sito del Mit di Boston Chris Voigt, docente di bioingegneria, a capo della ricerca - si utilizza un linguaggio base esattamente come quello per programmare i computer. Si compila il testo trasformandolo in una sequenza di Dna che poi viene inserito nella cellula. I circuiti e le istruzioni funzionano all'interno della cellula". Un processo, quello della riprogramamzione della cellula "comunque molto complesso e a rischio errori", chiarisce Voigt, ma la soluzione individuata è estremamente semplice: "Può essere usata anche da uno studente. Basta premere un tasto per realizzare una sequenza di Dna".