IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-03-29
Immuno-oncologia: approvato nivolumab nel melanoma e nel tumore del polmone
Roma, 29 Marzo 2016 – Oggi anche i pazienti italiani hanno a disposizione una nuova arma contro il cancro: nivolumab, il primo farmaco anti-PD-1 approvato in Italia. 
Dopo la chirurgia, la radioterapia, la chemioterapia e le terapie target, la nuova frontiera nella battaglia contro il cancro si chiama immuno-oncologia, un approccio innovativo alla malattia neoplastica, che si avvale di terapie attive sul sistema immunitario. 
Già nel 2013 Bristol-Myers Squibb ha reso disponibile per i pazienti ipilimumab, primo farmaco immuno-oncologico attivo nel melanoma avanzato. 
Oggi la storia continua con un’evoluzione importante, nivolumab, primo farmaco anti-PD-1 per il quale l’Agenzia Italiana del Farmaco stabilisce la rimborsabilità nel trattamento del melanoma avanzato e del tumore del polmone non a piccole cellule squamoso avanzato in pazienti pretrattati. 
Questi pazienti possono oggi contare su una nuova terapia che prolunga significativamente la sopravvivenza a lungo termine con malattia in stadio avanzato. 
 
L’immuno-oncologia aumenta la sopravvivenza e migliora la qualità di vita
Gli studi alla base dell’approvazione di nivolumab – avvenuta nel luglio 2015 a livello europeo – hanno evidenziato nei casi di melanoma avanzato, un tasso di sopravvivenza ad un anno superiore al 70%, con una riduzione del rischio di morte del 58% e, nei pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule squamoso avanzato pretrattati, un tasso di sopravvivenza a un anno del 42% e una riduzione del rischio di morte del 41% rispetto alla terapia standard. 
Nello stesso tempo, agendo direttamente sul sistema immunitario, nivolumab ha dimostrato un profilo di sicurezza vantaggioso rispetto alla chemioterapia standard, garantendo una qualità di vita nettamente migliore. 
 
“Con nivolumab Bristol-Myers Squibb è orgogliosa di mettere a disposizione dei pazienti una nuova straordinaria opzione terapeutica”, afferma Roberto Tascione, Presidente ed Amministratore Delegato Bristol-Myers Squibb Italia. “Quello di oggi è un importante traguardo; da questo momento i pazienti oncologici italiani avranno accesso allo straordinario approccio rappresentato dall’immuno-oncologia, in tempi brevissimi dopo l’approvazione europea”. 
“È un’urgenza – aggiunge Tascione – quella che BMS sente nei confronti dei pazienti che ogni giorno combattono una battaglia per la vita, una corsa contro il tempo per fornire, nel più breve tempo possibile, le più efficaci soluzioni terapeutiche. Nivolumab, primo farmaco anti-PD-1 approvato in Italia e secondo immuno-oncologico dopo ipilimumab, è il prodotto della tensione ad innovare che da sempre caratterizza Bristol-Myers Squibb; farmaci straordinari nascono non solo da ingenti investimenti in ricerca e sviluppo, ma anche dall’attenzione ai pazienti, ai loro bisogni ed alle loro aspettative. È questo, soprattutto, che ogni giorno muove ed ispira le persone di BMS”.