IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-03-24
AIFA: “Nostro obiettivo garantire a tutti i pazienti la terapia più mirata”
Roma, 24 marzo 2016 - “La sfida futura è sicuramente la sostenibilità della spesa farmaceutica in relazione ai farmaci innovativi”. E’ quanto ha affermato Mario Melazzini, Presidente dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) che ieri è intervenuto ad un convegno presso l’Università Campus Bio-Medico di Roma. “L’obiettivo che come AIFA ci poniamo è avere la certezza che ogni paziente possa ricevere la terapia più mirata, basata sui criteri sostenuti dalla comunità scientifica internazionale. Garantendo alla persona che il farmaco possa essere il più appropriato rispetto a un rapporto costo beneficio e alle caratteristiche della patologia - ha spiegato Melazzini -. Per questo, potrebbe essere indicato anche un altro farmaco rispetto a quello innovativo. Il compito dell’Agenzia è far sì che ogni persona ottenga il farmaco giusto. Affrontiamo insieme al Governo il percorso della nuova governance del farmaco, nella consapevolezza che l’innovazione sia la sfida del futuro - ha concluso il presidente AIFA -. Abbiamo gli strumenti che ci permettono di poter rispondere concretamente alle cure, ma alla luce della realtà in cui ci troviamo, devono essere modificati”.