IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-02-23
Tumore del seno: negli USA il 95% delle pazienti under 40 fa il test di Angelina Jolie
Washington, 23 febbraio 2016 - Sempre più donne statunitensi con diagnosi di cancro al seno si sottopongono ai test per analizzare le mutazioni del DNA. Il tasso dell’esame dal 2007 ad oggi è salito del 70% l’anno. E quanto sostiene una ricerca della National Comprehensive Cancer Network americano e pubblicata su JAMA Oncology. Gli scienziati hanno valutato i dati di 900 donne under 40 e hanno quindi analizzato quante avevano eseguito il test e se il risultato avesse influenzato la loro terapia. L’87% sono state sottoposte all’esame entro un anno dalla diagnosi. Dal 2007 in poi, la percentuale è andata aumentando costantemente ogni anno, raggiungendo una percentuale del 96,6% nel 2012 e del 95,3% nel 2013. In un campione di 780 donne, 59 hanno scoperto di avere una mutazione del gene BRCA1 e 35 donne avevano una mutazione del BRCA2. Altre 35 hanno invece dichiarato di avere avuto un risultato indeterminato o variabile. Le restanti non hanno riportato mutazioni. Ricerche precedenti hanno rilevato che nelle donne tra 30 e 34 anni di età, con diagnosi di tumore alla mammella, avere una mutazione sul gene BRCA1 significa avere circa 1 possibilità su tre di sviluppare un secondo tumore entro 10 anni dalla diagnosi del primo. Per le donne tra 35 e 39 anni, una mutazione sullo stesso gene è responsabile di un caso su 4 di recidiva entro 10 anni. Gli esperti americani giudicano in modo molto positivo questo dato. Secondo Ann Partridge del Dana-Farber Cancer Institute di Boston: “la percentuale di test eseguiti in questa popolazione è probabilmente già più alta rispetto a quella di altri tipi di tumori, ma è comunque importante vedere che il dato cresce e sempre più donne si sottopongono al test”.