IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-02-22
Immagini shock sui pacchetti sigarette aiutano a perdere il vizio
Washington, 22 febbraio 2016 – Le immagini shock sui pacchetti di sigarette possono essere utili a contrastare il vizio del fumo. Secondo i ricercatori della Georgetown University Medical Center di Washington (USA) innescano l'attività di aree del cervello coinvolte nelle emozioni e nel processo decisionale. Lo sostiene una ricerca, pubblicata sulla rivista Addictive Behaviors Reports che rafforza, su basi biologiche, le prove di come questi avvisi possano aiutare a cambiare i comportamenti. A 19 partecipanti fumatori tra i 18 e i 30 anni sono stati mostrati 64 confezioni di sigarette mentre veniva effettuata una risonanza magnetica funzionale. Alcuni pacchetti avevano immagini molto forti, come una bocca aperta con denti marci e un tumore sul labbro accompagnate dal testo: "Le sigarette causano il cancro". Altri non avevano immagini ed erano destinati a confrontare la risposta. I volontari hanno riferito una motivazione a smettere molto maggiore davanti a immagini grafiche e le scansioni confermavano il risultato. Di fronte a immagini shock, aree chiave del cervello come l'amigdala e la regione prefrontale mediale, "hanno mostrato risposte degne di nota", riporta Adam Greed, coautore dello studio.