IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-02-04
Sanità: Regioni, sì a riparto 2016 da 111 mld
Roma, 4 febbraio 2016 - La Conferenza delle Regioni e delle province autonome ha approvato all'unanimità e in tempo record il riparto del Fondo sanitario 2016 da 111 miliardi di euro. "Poter dire al Governo che c'è unanimità delle Regioni sul riparto del Fondo sanitario, non era scontato e pochi ci credevano". Lo ha sottolineato il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, parlando con i giornalisti al termine della seduta odierna. Bonaccini ha annunciato poi che il 25 febbraio verrà proposta la sostituzione del presidente della Commissione sanità della Conferenza, "non perché non sia stato all'altezza della situazione l'attuale coordinatore, l'assessore emiliano Sergio Venturi, che va ringraziato per il grande lavoro che ha fatto insieme ai suoi colleghi, ma perché l'Emilia è rappresentata da me nella Conferenza". "Abbiamo poi dato mandato alla Commissione Salute - ha concluso - di lavorare su una possibile revisione dei criteri del riparto sanitario. Infine vi è il tema, proposto da alcune Regioni come la Toscana e la Lombardia, di un Piano sul tema della mobilità sanitaria, su cui vi sono squilibri. E' una materia che bisogna capire come va affrontata. Tocca alle Regioni proporre cosa si può fare, poi si interloquirà con il Governo. Lo faremo da subito, tutti insieme".