IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2016-01-15
La FAVO: “L’esenzione dalle fasce di reperibilità sia estesa a tutti i lavoratori malati di tumore”
Roma, 15 gennaio 2016 - La Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO) accoglie con favore la decisione dei Ministri Giuliano Poletti e Beatrice Lorenzin di estendere anche ai lavoratori privati, affetti da malattie gravi, l’esenzione dalle fasce di reperibilità. Attraverso il decreto interministeriale Welfare-Sanità nei giorni scorsi è stata definita la disciplina dell'esenzione per tutti i dipendenti del privato che necessitano di terapie salvavita o che siano affetti da stati patologici invalidanti (con invalidità civile superiore al 67%). “Finalmente è stata eliminata un'ingiusta disparità di trattamento tra lavoratori pubblici e privati - afferma l’Avv. Elisabetta Iannelli Segretario Generale FAVO -. Questo diritto fondamentale deve però essere al più presto esteso anche lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata INPS. Queste persone, per il momento, sono costrette a sentirsi costretti ad una sorta di “arresti domiciliari” per essere sempre reperibili in caso di visite fiscali che rilevino la loro malattia. Sono passati sette anni da quando abbiamo chiesto e ottenuto, dall’allora Ministro Renato Brunetta, la prima circolare con la quale furono forniti chiarimenti in ordine alle fasce di reperibilità, in caso di malattia per i lavoratori che hanno avuto una diagnosi di cancro, durante il periodo di cura. Il provvedimento risolveva solo in parte i problemi per i lavoratori autonomi. Adesso il Governo ha allargato la platea dei beneficiari di quel provvedimento. La FAVO chiede alle Istituzioni che tutti i lavoratori godano degli stessi diritti - conclude Elisabetta Iannelli -. I pazienti oncologici sono tutti uguali o così dovrebbe essere nel rispetto delle esigenze di cura e di tutela del lavoro tutelate dalla Carta Costituzionale fino alle più elementari norme contrattuali”.