IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2015-12-02
AGENAS: su incompatibilità in sanita’ lavoriamo a soluzione omogenea
Roma, 2 dicembre 2015 – “Il tema della incompatibilità non è una novità, noi sappiamo molto bene che tantissime realtà, sia ospedaliere sia regionali, da tempo adottano modulistica o ragionano sulle modalità attraverso le quali coinvolgere i medici e i professionisti più impegnati in questo tipo di rischio. Di fatto questo avviene già, quindi, ma come è intuibile avviene in maniera indifferenziata a seconda del territorio regionale di appartenenza o addirittura dello stesso territorio, a seconda però della disponibilità e volontà del direttore generale dell'azienda sanitaria”. E’ quanto ha affermato Francesco Bevere, direttore generale dell’AGENAS (Agenzia Nazionale per Servizi Sanitari Regionali), in audizione presso la Commissione Sanità del Senato. “Abbiamo ritenuto di mettere a disposizione un allegato al piano nazionale anticorruzione sezione sanità - ha proseguito Bevere -, che rende immediatamente possibile e fruibile da parte del sistema quella modulistica che lo stesso sistema vorrà utilizzare sullo specifico argomento. Questo vuol dire che, da oggi, tutte le Regioni possono attingere a tale modulistica per poter utilizzare i moduli che sono stati riconosciuti validi dal ministero della Salute e dall’ANAC”.