IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2015-11-24
AGENAS: ancora troppe aziende non mettono online i bilanci

Roma, 24 novembre 2015 - Molte aziende sanitarie italiane sono ancora carenti nella trasparenza sui bilanci: il 17% delle aziende non ha pubblicato il preventivo 2014 e l'8% non ha pubblicato il consuntivo 2013. Piu' critica la disponibilita' dei documenti in formato aperto (il 32% delle aziende e' inadempiente rispetto al consuntivo 2013 e il 40% rispetto al preventivo 2014) e in forma sintetica (il tasso medio di adempimento e' intorno al 51%). Sono i dati rilevati dall'Agenas nel rapporto su "Trasparenza, etica e legalita' nel settore sanitario" presentato oggi a Roma. Rispetto al bilancio preventivo, in 9 regioni (Valle D'Aosta, Trentino Alto Adige, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo, Basilicata) tutte le aziende sanitarie hanno pubblicato il documento, mentre Sicilia, Sardegna e Molise sono le regioni che presentano il piu' basso tasso di adempimento (rispettivamente 39%, 36% e 0%). Complessivamente, la pubblicazione dei bilanci presenta notevoli differenze interregionali (con tassi di adempimento che variano dallo 0% al 100%) e livelli di adempimento inferiori all'atteso (ad esempio il preventivo 2014 e' presente solo nell'82% delle aziende), talvolta anche in regioni di rilevanti dimensioni e con una riconosciuta buona qualita' dell'amministrazione sanitaria, verosimilmente segno di un'attivita' ancora in evoluzione. Poco diffusa e' la pubblicazione dei dati di bilancio in forma sintetica e semplificata (la percentuale relativa al bilancio consuntivo 2013 e' del 58%) e dei dati in formato aperto (la percentuale relativa al bilancio preventivo 2014 e' del 60%).