IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2015-11-20
Studio: smettere di fumare inverte i danni del fumo al cervello
Londra, 20 novembre 2015 - Abbandonare il vizio del fumo può invertire i danni causati al cervello. Anche se si smette dopo i 70 anni. E’ quanto ha evidenziato uno studio dell’Università di Edimburgo (UK). I ricercatori scozzesi hanno suggerito che le sigarette accelerano il processo di "assottigliamento" dello strato esterno del cervello, che di solito avviene quando si invecchia. Il danno riguarda una regione del cervello nota come corteccia cerebrale, responsabile di capacità fondamentali come la memoria, l'attenzione, il linguaggio e la consapevolezza. Lo studio suggerisce che, nei fumatori “leggeri”, i danni potrebbero essere invertiti gia’ in un paio di settimane. Per i fumatori "pesanti", cioe’ quelli che hanno fumato 20 sigarette al giorno per 30 anni, ci vorrebbero una media di 25 anni per recuperare. Tuttavia, il processo di guarigione inizia non appena il fumatore smette. Questo studio, pubblicato anche sulla rivista Molecular Psychiatry, conferma le evidenze secondo le quali esiste un forte legame tra il fumo, il declino del cervello e l'aumento del rischio di demenza. I ricercatori hanno analizzato le scansioni cerebrali di 500 donne e uomini con un’età media di 73 anni. La metà dei partecipanti era fumatore o ex, mentre la restante parte ha evitato le sigarette per tutta la vita. Ebbene, coloro che non hanno mai fumato tendevano ad avere una corteccia piu’ spessa rispetto a quella dei fumatori. Coloro che hanno smesso di fumare hanno anche una corteccia piu' spessa rispetto a quelli che hanno continuato a cedere al vizio delle "bionde".