IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2015-11-18
Lorenzin: “Per le cure ancora troppe differenze tra Nord e Sud”
Roma, 18 novembre 2015 - “Stiamo andando verso trend di miglioramento. Penso agli interventi per le fratture di femore e ai cesarei. E poi sono state importanti le audit interne. Ma il divario tra regioni del Centro-Nord e del Centro-Sud è ancora troppo forte, motivo per il quale dobbiamo focalizzare tutto il nostro lavoro sul rispetto dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) nel Meridione, soprattutto nelle regioni commissariate”. È quanto ha affermato ieri il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, commentando i dati del Programma Nazionale Esiti, realizzato da AGENAS. “In questa Legge di Stabilita dove abbiamo vincolato 800 milioni proprio a garantire i LEA e abbiamo previsto, per gli ospedali, un piano di rientro dal deficit, non solo per motivi economici ma anche per il mancato rispetto dei parametri di qualità di assistenza. Il miglioramento dell'assistenza, - ha sottolineato la Lorenzin -, non è dato da posto letto ma dalla rete, dagli audit interni, dalla capacità di intervento mirato e dall'organizzazione dei processi sanitari”. Lorenzin ha tracciato anche la rotta per la prossima edizione del PNE. Dobbiamo aumentare gli indicatori e ci dev’essere ancora più sinergia e interconnessione tra Ministero, AGENAS e Regioni”.