IN EVIDENZA


Un tour dedicato ai camici bianchi di domani




Qui puoi rivolgere le tue domande agli oncologi della Fondazione


Oncologi, pediatri e coach di calcio insieme per insegnare stili di vita corretti. Testimonial d'eccezione, il mister Max Allegri!


Con due testimonial d'eccezione ....


La nostra campagna in favore degli over 65 residenti in Italia


L'organo ufficiale di informazione della nostra Fondazione. Leggete i numeri pubblicati


Scarica le nostre schede su 18 diversi tipi di neoplasie


Tutte le risposte alle tue domande sul cancro


Scarica i libretti informativi di AIMaC sul cancro


L'allenatore può essere un maestro anche della prevenzione del cancro


La quarta arma contro il cancro


La pagina dell'associazione WALCE (Women Against Lung Cancer), associata alla Global Lung Cancer Coalition


La copertina del libro "Il male in-curabile", realizzato dalla nostra Fondazione (Intermedia editore), presentato il 24 luglio 2014 al Ministero della Salute
2015-10-28
Lorenzin: “No ad allarmismi sul consumo di carne rossa”
Milano, 28 ottobre 2015 - “Nessun allarme sul consumo di carne rossa dopo il dibattito aperto dall'OMS con la posizione espressa dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro”. E’ quanto ha affermato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, a margine di una conferenza internazionale. “Sulla carne rossa e processata e a eventuali correlazioni con un rischio aumentato di cancro i titoli che sono stati dati sono eccessivamente allarmistici - ha aggiunto la Lorenzin -. Noi dobbiamo proporre un'educazione all'alimentazione corretta che tra l'altro è nella nostra cultura, non creare allarmismo fra i nostri cittadini. E’ molto difficile spiegare le procedure del dibattito all'interno dell'OMS – ha precisato il Ministro - Siamo ancora in una fase di studi preliminari, non di raccomandazioni. Bisogna leggere molto bene il testo prodotto dall'Oms, che parla ovviamente di diversi tipi di componenti all'interno delle carni processate. Noi abbiamo un sistema industriale tra i più avanzati del mondo, siamo tra quelli che hanno un regime più ristretto. Penso al sale e ad altre misure”.